Blog

E’ legale spiare una persona? E registrare le conversazioni?

Una serie di domande che molto spesso ci vengono proposte, e che trattano lo stesso argomento, sono senza dubbio le seguenti:”è legale spiare una persona? Si può registrare una conversazione per utilizzarla come prova?  Andiamo per ordine per capire se tra un quesito e l’altro ci sono delle differenze e se si quali sono.

SPIARE E’ LEGALE?

Alla domanda “Spiare una persona è legale?” la risposta non è sempre scontata, visto che dipende da come viene effettuato il controllo di tale individuo. La legge ritiene lecito il comportamento per il quale si studiano, e si analizzano gli spostamenti di una persona attraverso un pedinamento, vale a dire se si segue una persona senza che quest’ultima non se ne accorga e non venga a trovarsi in una situazione di stress emotivo, paura e ansia per tale comportamento. Se tale “recinto” viene sconfinato chi abusa di questa situazione può essere denunciato per molestie e, in casi più “pesanti” per stalking. Spiare rimane sempre e comunque un reato se si viola un domicilio. Diverso, invece, è il pedinamento che si effettua attraverso l’utilizzo di un dispositivo elettronico, un GPS, applicato sotto all’auto. In questo caso se il localizzatore è posizionato e utilizzato da un soggetto privato è considerato reato, mentre se l’intervento e l’impiego è effettuato da un investigatore privato, avendo un mandato firmato, no.

SI PUO’ REGISTRARE UNA CONVERSAZIONE?

Passando alla seconda domanda, ovvero se si può registrare una conversazione, restando nel lecito, anche qui sono necessarie delle premesse. Troppo spesso emozioni travolgenti come la rabbia, la gelosia, l’ossessione possono portare il consorte o il compagno (ex), a cercare delle prove di un presunto tradimento e per arrivare a questo scopo si mettono in atto delle misure d’attacco. Microspie, microtelecamere nascoste e registratori digitali possono essere posizionati in modo da riuscire a spiare la vita privata dell’altra persona. Tra le diverse motivazioni troviamo l’affidamento del figlio in una causa di separazione, la limitazione se non la totale rinuncia a pagare un assegno di mantenimento, la pura soddisfazione nel vedere che la persona, che si credeva la custode del proprio amore, ha commesso un fatidico tradimento. Detto questo la legge ritiene lecita la registrazione di una conversazione, o la registrazione di un video, soltanto se ad operare tale procedimento sia uno dei soggetti presenti in loco. Vale a dire che non è reato “memorizzare” un discorso o delle immagini se chi sta effettuando tale azione è presente sul posto. Suddetta registrazione può, in sede processuale, essere utilizzata come prova. E’ Illegale, invece, il fatto di lasciare volutamente un registratore sul posto; pensiamo anche ad un semplice smartphone attivato in modalità recorder, per sentire i commenti.

ECCEZIONI

Tutto ciò che è stato detto fin qua non è valido per quanto riguarda le indagini di polizia giudiziaria, che invece, forte di un’autorizzazione di un giudice, sono improntate per riuscire a determinare e affermare, prove alla mano, un reato penale.

COME COMPORTARSI SE SI PENSA DI ESSERE SPIATI

Sapere se si è spiati dal ex-marito/moglie, compagno, investigatore privato o datore di lavoro è un operazione delicata che comporta l’utilizzo di una serie di apparecchiature sofisticate e di un tecnico capace di analizzare caso per caso. I modi e i dispositivi elettronici infatti, per ascoltare, vedere e registrare nell’ambito privato possono essere diversi, ed è necessario un’accurata e precisa ispezione, prima strumentale e poi visiva, dei locali o veicoli interessati, che noi siamo in grado di effettuare. Nel caso la ricerca delle cimici dia esito positivo procederemo con una relazione dettagliata e chiara di ciò che è stato rinvenuto e potrete utilizzarla a vostra discrezione.

Chiamaci subito al 392-2008153               Contattaci info@bonifiche-microspie.it

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.

WhatsApp chat